Olio di Palma nei dolci

Olio di Palma nei dolci, non da Checco

Posted on

Nel 2000 aprii il bar pasticceria di Checco, ed il primo pasticcere da me assunto che proveniva da laboratori famosi e alla moda, per prima cosa mi propose di acquistare l’olio di palma.

Al mio netto rifiuto, tale pasticcere, mi dette della pazza incompetente, non mi scomposi e gli imposi l’olio extra vergine di frantoio per le fritture e le preparazioni che lo includevano.

L’olio di Palma fa male?

Lo stupore del pasticcere per i risultati conseguenti all’uso mi dette soddisfazione, ma anche consapevolezza, di quanto la salute dei consumatori, viene ignorata squisitamente a vantaggio del bieco profitto.

Dolci con materie prime di qualità: nessun grasso idrogenato, farine certificate

Stessa cosa fu per la scelta della margarina, che scrupolosamente e consapevolmente chiesi senza grassi idrogenati, per le farine, certificate e controllate, per la frutta secca solo italiana e di qualità, per le uova fresche, etc…

Prodotti di pasticceria sani e freschi

Queste scelte costano care dal punto di vista economico, ma appartengono alla mia etica professionale, i miei clienti, devono essere sicuri e tranquilli di poter mangiare prodotti sani e freschi che non danneggiano la salute – “Siamo quello che mangiamo”.

CondividiShare on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest1Email this to someone